Il Bunet è un dolce al cucchiaio la cui origine è molto antica e la cui ricetta prevede come ingrediente principale gli amaretti.

La sua origine sembra risalga al XIII secolo e il nome deriva dallo stampo in rame in cui veniva cucinato bonèt ëd cusin-a: “cappello da cucina” o “berretto del cuoco”, ma c’è anche chi dice che essendo l’ultimo piatto servito a tavola rappresentasse il “cappello” del pasto, l’ultimo accessorio che si indossava prima di uscire!

La ricetta del Monferrato, dove si trova Mombaruzzo, è a base di uova, zucchero, latte, liquore all’amaretto e appunto amaretti.

La più recente versione prevede l’aggiunta di cioccolato.

La cottura, lenta, è rigorosamente a bagnomaria nel forno. 

Tutti i più tradizionali ristoranti piemontesi lo propongono in carta e le nostre nonne lo cucinavano alla perfezione, a seconda del luogo di provenienza, con o senza cioccolato, ma mai senza i nostri amaretti.

Dopo un vitello tonnato, un piatto di agnolotti e un brasato non potrà quindi mancare un bel bunet per chiudere con dolcezza un tipico menù piemontese.

 La ricetta: 

  •     1 lt di latte fresco intero
  •     600 gr di zucchero
  •     240 gr di amaretti Cavalier Vicenzi 
  •     140 gr di cacao 
  •     10 uova 
  •     10 cl di Rum 
  •     150 gr di zucchero per caramellare

 Gli amaretti sono uno degli ingredienti fondamentali del Bunet alla piemontese, sbriciolateli fino ad ottenere una polvere sottile e tenetene da parte qualcuno per la decorazione finale. 

Mettete in una bacinella lo zucchero e le uova, e con l’aiuto di uno sbattitore elettrico montateli fino ad ottenere un composto cremoso ed omogeneo.

Aggiungete alla crema del bunet la polvere di amaretti, il cacao, il Rum e il latte. Mescolate bene tutti gli ingredienti fino a renderli ben amalgamati tra loro.

A questo punto preparate il caramello scaldando lo zucchero in un pentolino con due cucchiai d’acqua. Fate bollire il composto per qualche minuto senza mescolarlo.

Caramellate lo stampo del Bunet con il caramello caldo, lasciatelo raffreddare per qualche istante e poi coprite con il composto cremoso.

La ricetta tradizionale del bunet alla piemontese prevede la cottura a bagnomaria, trasferite quindi lo stampo del bunet dentro uno stampo più grande che avrete riempito per 2/3 con acqua calda.

Infornate il vostro bunet, fatelo cuocere a 150°C per circa 60 minuti e una volta cotto capovolgetelo nel piatto di portata e decoratelo disponendovi sopra gli amaretti interi.

Buon appetito!